Territorio

Immaginate di godere della vista dei laghi Maggiore, d’Orta e di Mergozzo mentre sfrecciate sul seggiolino del nostro Alpine Coaster, o di lasciare che i colori del Mottarone che si tinge di tramonto vi rapiscano mentre passeggiate tra le attrazioni di Alpyland.

Solo così capirete quanto è speciale il territorio nel quale ha sede il nostro parco, e quanto numerose sono le opportunità che offre.In inverno, quando il cielo regala qualche fiocco di gelo, potrete decidere se fermarvi nell’area ristoro, a bere una cioccolata, o se optare per una visita ad alcune tra le più belle città del lago d’Orta (tra le quali, appunto, Orta San Giulio e Omegna) e del lago Maggiore (tra le quali Stresa, Baveno, Arona). Per fare un po’ di shopping, prima di tornare nel tepore di uno degli alberghi nelle vicinanze della nostra struttura.

In primavera potrete camminare lungo i declivi verdeggianti della natura che rinasce, tra voli di farfalle, cinguettio di uccellini e, sullo sfondo, l’azzurro terso di un cielo che solo da qui è possibile apprezzare.

E, poi, potrete concedervi il relax di una passeggiata tra le viuzze dei tanti borghi che sorgono lungo le sponde dei laghi che abbracciano il Mottarone. Potrete godervi un caffè sedendo ad uno dei tavolini dei tanti bar storici che, dai loro dehor, vi lasceranno ammirare il lento transitare di una famiglia di cigni e l’andirivieni dei battelli. E, se siete amanti delle isole, non avrete che da scegliere se visitare le Isole Borromee ed i loro incantevoli palazzi (sul lago Maggiore) o se dedicarvi ad una passeggiata meditativa sull’isola di San Giulio (sul lago D’Orta) ove ha sede un antichissimo monastero.

In estate sarà l’aria fresca e pungente che il Mottarone regala - con i suoi quasi 1.500 metri di altezza - a farvi venire voglia di rimanere qui, o di cercare l’ombra in una delle tante Riserve Naturali che sorgono in queste zone così ricche dal punto di vista naturalistico: la Riserva Speciale del Monte Mesma e la Riserva Naturale Speciale del Colle di Torre Buccione, sul lago d’Orta, o la Riserva Regionale di Fondo Toce, collocata alla foce dell’omonimo fiume, immissario del Lago Maggiore.

Per chi, invece, ama dedicare alla cultura la stagione più calda, vi saranno numerosissime proposte tra le quali scegliere, a partire dalle famosissime Settimane Musicali organizzate dalla città di Stresa.

In autunno sarete stabiliati dalla vista delle montagne infuocate dal rossore delle foglie e dalle chiome arrugginite. Oppure saranno le meraviglie storiche a catturare la vostra attenzione, portandovi in uno dei tantissimi musei (Etnografici, Mineralogici, dell’Acqua, degli Scalpellini) che raccolgono e raccontano le bellezze di questo territorio.

E, ancora, respirerete l’aria tersa e pura durante lunghe esplorazioni, o gusterete sopraffine specialità gastronomiche, a partire dalla Toma del Mottarone, formaggio tipico prodotto con metodi antichissimi e stagionato in alpeggi prossimi alla vetta della “Montagna dei due Laghi”.